Esercizi per il pene: maggiore resistenza ed erezioni più durature

La disfunzione erettile e l’eiaculazione precoce sono tra le problematiche più diffuse a livello fisiologico del pene e affligono una grossa fetta della popolazione maschile.

Fortunatamente, esistono degli esercizi da effettuare che apportano benefici al membro maschile che possono aiutare molto, anche chi non presenta grosse problematiche o chi vorrebbe semplicemente mettersi in forma per la propria le migliori escort di Bologna.

Il primo elemento da tenere in considerazione è la conoscenza della propria anatomia sessuale e, non di meno, quella della propria eccitazione.

Il “jelqing”, così definito dagli inglesi, sta per ‘’mungitura del pene’’ e questa serie di allentamenti tendono a sviluppare resistenza sessuale, orgasmi più forti, erezioni più dure, maggiore funzionalità ormonale e in alcuni casi c’è possibilità di aumentare la circonferenza del proprio membro.

Tuttavia, è importante ricordare che la taglia non influenza le prestazioni.

Cos’è il Jelquing?

Il Jelging è fondamentalmente l’allungamento del pene che aiuta ad aumentarne la sua circonferenza. Se applicato correttamente il massaggio dei tessuti del pene, distendendo la pelle per creare “micro-lacrime” che sembrano gonfie quando guariscono, aiuta a migliorare la salute complessiva dell’apparato sessuale maschile .

Diversi studi condotti su questo processo hanno affermato che: sì, l’utilizzo di dispositivi di trazione sul pene aumenta le dimensioni fino ad un pollice (se indossato per 9 ore al giorno per 3 mesi… tutti i giorni ) e può essere un’utile alternativa alla chirurgia, mentre altri studi hanno condannato questi dispositivi, reputandoli inefficaci nell’ingrandimento del pene, non avendo riscontrato risultati significativi.

In effetti, il jelquing può essere dannoso se non fatto in maniera adeguata. Proprio per questo bisognerebbe fare attenzione, evitare di essere aggressivo per non ferirti mentre esegui questi speicific esercizi.

Come praticare il Jelque

Bisogna stare in piedi con le gambe divaricate, davanti a uno specchio, e tirare con cautela la pelle extra alla base del pene non eretto, così da allungare i legamenti e i tessuti. È stato riscontrata una particolare efficacia subito dopo una doccia calda.

Esercizio per il pene: n. 1

Massaggiare delicatamente e tirare il glande verso l’alto, tienendo premuto mentre si conta fino a 10. Ripetere l’allungamento, che deve essere lento, e spostare direzione verso il basso, poi a sinistra e infine a destra.

Esercizio per il pene: n. 2

Allontanare il pene dal corpo tenendo in mano il glande. Quindi, posizionare il pollice dell’altra mano sull’asta, alla base del pene, e premere con il pollice mentre si solleva l’altra mano. Tenere premuto contando fino a 10 anche stavolta. Ripetere l’esercizio sia destra che a sinistra, posizionando il pollice su lati alternati del membro per creare una lieve tensione. Continuare ad allungarlo con l’alternazione verso quasi tutte le direzioni: in alto, a sinistra e a destra, ma attenzione a non farlo mai verso il basso.

Esercizio per il pene: n. 3

Tenendo il pene in maniera un po’ più salda, premere la pelle verso il pube, posizionando entrambi i pollici che si devono toccare, sopra l’asta del pene, mentre le dita rimanenti sotto fungono da supporto. Assicurarsi di non applicare troppa pressione, altrimenti si rischierebbe di interrompere la circolazione al pene. Anche qui, mantenere premuto per 10 secondi, rilassarsi e riprendere nuovamente. L’effetto desiderato è quello di una pompa, in modo da mantenere un’azione continua. Questo esercizio può essere eseguito anche in posizione eretta.

Esercizi per il pene: esercizio sessuale 4

Con una mano alla base del pene e l’altra dietro il glande, si deve allungare delicatamente il pene in entrambe le direzioni, verso l’esterno, con la mano sul glande e verso il proprio corpo con una mano alla base del membro. Tenere premuto per 10 secondi e ripetere ancora.

La salute e l’esercizio del pene sono importanti per la propria salute, esattamente come il resto del corpo. Quindi è come concedersi delle coccole amorevoli mentre ci si prende cura dei propri i tuoi organi gentiali, come se si stesse andando in palestra. Allenamenti regolari porteranno notevoli risultati.

Per quanto riguarda i miracoli, non aspettartene affatto! L’evidenze immediate non saranno visibili, poiché con qualsiasi esercizio ci vuole del tempo prima che il corpo si adatti. Pensa piuttosto a divertiti: masturbati o fai sesso regolarmente, perché anche questo fa bene alla salute.

Parlando di sicurezza…

Fare attenzione quando si prova uno di questi esercizi, poiché il pene è un muscolo delicato che potrebbe danneggiarsi con estrema facilità e causare problemi di disfunzione erettile. Dunque, si andrebbe a finire col risultato opposto a quello desiderato.

Per evitare quasliasi tipo di problema, sarebbe opportuno seguire questi suggerimenti per la propria sicurezza:

– Usare molto lubrificante, anche se si dovesse trattare di l’olio di cocco, non per forza un prodotto chimico da farmacia.

– Eseguire gli esercizi di stretching del pene solo quando è flaccido , mai quando si trova eccitato.

– Non eseguire gli esercizi più di una volta al giorno. Bastano tre volte a settimana.

– Se si avverte dolore, interrompere subito gli esercizi. Il corpo sta mandando segnali di stress fisico ai tessuti ed il tuo pene potrebbe andare incontro a fratture se troppo ruvido. Molto doloroso e rischioso soprattutto a lungo termine.

– Ascoltare sempre il proprio corpo e consultare un medico prima di intraprendere il tuo percorso di jelquing.

Lascia un commento